[Salta al contenuto]

Tirlindana live all'Acqua Cheta


Sabato 2 Dicembre 2017 dalle ore 22:00 presso il Lounge Bar Acqua Cheta di Tremezzo, si terrà il concerto live della band Tirlindana, una delle band più conosciute ed apprezzate nel panorama lariano.

Ma chi sono i TIRLINDANA ?

1992
La prima formazione della band comasca si forma intorno al cantante Andrea Solinas, al chitarrista Bruno Tettamanti ed a Luca Prina alla batteria, con Paolo Cairoli al basso. Il gruppo debutta in luglio e da lì intraprende una intensa attività live, testando le reazioni del pubblico, rispetto ai propri brani e mettendo a fuoco le proprie attitudini. Sono i ’90, la gente vuole band con repertori originali. Si suona ovunque, per qualsiasi ragione, a qualunque prezzo. I Tirlindana, imparano a suonare così.

1995
La band entra in studio ed in un week end registra il primo disco MEDITAZIONE CAOTICA. Figlio della new wave e del punk rock, pagati i suoi debiti, apre qualche porta. La gente si affeziona subito di brani come FIORE, AUGURI, DELLA MIA ASSENZA. Negli anni verrà ristampato 5 volte. Il circuito consolidato, nel quale la band si muove con i propri concerti, si allarga.

2000
Dopo alterne vicende discografiche, amareggiati dalla ottusità di molti “addetti ai lavori”, la band registra ed auto produce il mini Lp D’URGENZA. Il disco, trainato da CORAGGIO DA UOMO e GRONDA IL MIO MIELE, ripaga gli sforzi dei Tirlindana, che nel frattempo hanno sostituito Paolo Cairoli, con Simone Prina al basso. Il suono si sgancia dagli anni ’80 e si orienta verso una forma, a tratti psichedelica, innestata su basi rock. La strada sembra vedersi più chiaramente.

2001
Nel tentativo di imprimere un temperamento più smaccatamente rock al proprio mood, si decide di inserire al fianco di Bruno Tettamanti il chitarrista Andrea Frangi che già si fa sentire nel disco live “CONTAMINAZIONI”. Registrato dalla band in teatro, contiene il meglio della propria produzione, rivisitata con l’accompagnamento di strumenti classici. Nello stesso anno nasce UMORALE, secondo Lp in studio sulla lunga distanza per i Tirlindana. Macchiato il proprio cantautorato rock con strumenti non consueti, vede tra gli ospiti, alcuni nomi noti della scena musicale comasca. Mixato dal chitarrista Bruno Tettamanti, suonato e registrato nella sala prove del gruppo, pur soffrendo di alcune ingenuità in sede di produzione, manda a bersaglio alcuni brani che diventano dei piccoli classici, nei concerti dei Tirlindana. Una su tutte quella OSTINATO SINGOLARE che porterà in più occasioni la band a misurarsi con le regole dell’industria musicale che, intuendone le potenzialità, vorrebbe intervenire con la mano pesante per: modificare la forma al progetto musicale, professionalizzare gli equilibri interni alla band ed infine, puntare su Andrea Solinas, il cantante, nella convinzione di rendere in questo modo il prodotto più appetibile. Il gruppo, in ogni occasione, si compatta intorno alla propria idea di musica e rifiuta le offerte, giudicandole grossolani tentavi di speculazione più che traguardi da raggiungere.

2004
Si riparte! Vede la luce MILANO #92, progetto che oltre ai brani che contiene, propone il video della canzone che da il titolo all’opera. Girato da Andrea Piva e da Giovanni Foglino, tra Como, Milano e Verona, ottiene buoni riscontri di pubblico e critica. Tra le altre, un’entusiastica recensione su www.Rockit.it, importante vetrina web della scena rock internazionale. La band si rimette on the road, a bordo del Wolkswagen a 9 posti, che ormai è il sesto insostituibile membro del gruppo. Batte in lungo ed in largo la pista. Si spinge a suonare fino in Sicilia.

2006
Differenti vedute sul percorso musicale da intraprendere, oltre al logoramento del rapporto tra alcuni membri della band, generano la frattura che porta il chitarrista Bruno Tettamanti ed il batterista Luca Prina a lasciare il gruppo. Il 22 Aprile 2006, nel concerto al Teatro Frassati di Regoledo (SO), nell’ultima data di un tour quasi mai interrotto, alla batteria c’è Roberto Lisignoli. A fine concerto la band saluta il pubblico, raramente così caloroso ed emozionato, senza assicurare un seguito alla vicenda Tirlindana.

2008
Maggio. Esce nei negozi “157 iO e tE ” il nuovo disco dei Tirlindana. Dopo una serie di concerti, ad ottobre torna ad essere promosso con il videoclip del brano che da anche il titolo al disco. Ci lavorano: Alessandro Barzaghi e Paola Castelli, oltre alla band che, al completo si dedica a tutti gli aspetti della produzione. Come in altre occasioni, la TV locale, dedica ai Tirlindana spazi ed attenzioni. La stampa attesta loro dimostrazioni di stima oltre che recensioni sentitamente favorevoli. Si torna ai live, compimento naturale dell’attitudine sanguigna e rock della band oltre che veicolo promozionale insostituibile.

2010
A settembre la band, programma di tornare in studio per dare seguito all’ultimo disco “157 io e te”. I nuovi brani, sentiti in alcuni provini, suonano come niente di sentito dai Tirlindana. Alcuni vengono già proposti nei live. Sembrerebbe prevalere un suono volutamente “ignorante” e spigoloso, una ricerca dell’essenziale negli arrangiamenti e nella scelta dei suoni. Pochi orpelli e subito dritti al centro del discorso musicale.

2011
Tutto è in fermento per la registrazione del nuovo disco ma non per questo si sceglie di interrompere con i concerti. E’ il mese di aprile quando però Robi decide di farsi da parte e al suo posto alla batteria va a sedersi quasi immediatamente Danièl Palano. Batterista già stimato dalla band, giovane agitato rocker che ha militato in alcune delle formazioni più interessanti della scena (su tutte Endigma e Ciuciakamaro non è), amico e consigliere dei Tirlindana,si presenta con le idee subito chiare: “resto il tempo che vi serve per rimpiazzare Robi, non so neanche se ci piaceremo”. Nel giro di un paio di prove però, scatta la magia e il tempo di imbastire una scaletta per i concerti, si è di nuovo in pista, con un nuovo impatto, decisamente più sporco e sanguigno. L’estate 2011 viene spesa dalla band a ricalibrare gli equilibri interni e ad affinare i brani, in vista della prossima prova su cd. A novembre, inaspettamente, nel corso di una riunione di avvicinamento alle registrazioni, Andrea Frangi, comunica agli altri la volontà di volere prendere del tempo in più per sé e comunque, il suo essere scettico rispetto alla possibilità di imbarcarsi in un nuovo progetto in tempi rapidi. E’ l’ennesimo colpo che porterà di li a poco alla dipartita di anche di Danièl che, si trasferisce Barcellona, da li a Berlino e quindi a Parigi in cerca di fortuna.

2012
L’anno della fine di questo mondo secondo alcuni….il passaggio da questo ad un altro secondo altri…. Sancho e Andrea decidono un’altra volta di ributtarsi nella mischia, di immergersi in queste nuove sconosciute acque . Chiamano a raccolta Paolo Carnevali alla chitarra e Francesco Farsoni alla batteria, già con loro ne “Le grandi labbra di Elvis” e gli propongono di entrare nei Tirlindana. E’ intesa immediata. Si suona in ogni occasione possibile, con qualunque strumentazione e quasi ogni settimana senza sosta. L’esordio avviene al Verve Club presso Morbegno, in un’altra data interessante per gli appassionati di numerologia: Venerdì 13 Aprile. In questa occasione la band comprensibilmente emozionata, presenta alcune nuove idee (Generazione e Inferno), che un pubblico calorosissimo accoglie con entusiasmo. Come un anno fa, alle porte della stagione estiva, la band prepara le date del suo tour. A settembre spera di completare un progetto che per scaramanzia non nomineremo più qui.

2014
Dopo diversi live, tra i quali spicca un concerto al Teatro Sociale di Como, invitati dall’amico Davide Van de Sfroos, la band completa finalmente il progetto del nuovo cd, intitolato CHE COSA VUOI DA TE?

Nato nella sala prove realizzata nelle aule di una scuola elementare abbandonata, in un borgo, Albogasio, in provincia di Como, abitato da 150 persone e affacciato sul lago.

Lontani da tutto, 4 romantici artigiani, perdutamente innamorati dell’odore di cantina e dei suoni valvolari, oltre che del Rock, si sono chiusi per un autunno, un inverno e una primavera a buttare giù idee, emozioni e pensieri e per uscirne con 12 canzoni nuove di zecca.

Risultato è “Che cosa vuoi da te?”.
Disco di musica rock. Cantato in italiano.
Disco diretto nell’arrangiamento, come la domanda che gli da il titolo.
Disco di amore, di rabbia, di perdita di senso e di riscatto.
Di dolore e di gioia.
Disco di VITA realmente voluta.
Urgente nel comunicare le emozioni che lo compongono, come la domanda che il titolo ti sbatte in faccia e che ognuno è tenuto a trovare per se stesso. Urgentemente. Subito.

Il disco viene ufficialmente presentato al pubblico il 21 Novembre, alla libreria Feltrinelli di Como.

Notti Live all'Acqua Cheta - Inverno 2017/2018

Altri Eventi

Scopri altri eventi che si svolgono nei dintorni

Dove mangiare e bere

Scopri Bar, Ristoranti, Pasticcerie e Gelaterie nei dintorni

Dove alloggiare

Scopri le Strutture Ricettive nei dintorni

Cosa vedere

Scopri le principali Attrazioni nei dintorni

Shopping e Servizi

Scopri negozi, mercati e servizi privati nei dintorni

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato sugli eventi della settimana! Iscriviti